Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Foto gruppo
https://sites.google.com/site/paleomagnetismlab/home

Magnetismo degli speleotemi

Speleothem Magnetism

Componenti

Fotografia

Settore ERC

PE10_6 - Paleoclimatology, paleoecology
PE10_15 - Geomagnetism, paleomagnetism

Attività

Il magnetismo degli speleotemi ha permesso di evidenziare la loro affidabilità come archivio per lo studio del campo geomagnetico ambiente (variazioni paleosecolari) e del paleoambiente. Il record magnetico è continuo e gli speleotemi sono ben datati (metodo di datazione U-Th) e di elevata risoluzione; queste caratteristiche forniscono alcune risposte sull’evoluzione temporale a piccola scala, per eventi del campo geomagnetico che si verificano a intervalli dell’ordine di mille o cento anni (Fig. 1, flowstone della Grotta di Rio Martino - Alpi Occidentali).

Le misure magnetiche portano quantificano la concentrazione relativa e la granulometria dei minerali magnetici, tracciando i processi ambientali che controllano la registrazione magnetica nei sedimenti. Questi parametri sono potenzialmente utili per ottenere ricostruzioni ad elevata risoluzione della storia climatica e pedogenetica locale e regionale. Il record magnetico, inoltre, può essere direttamente confrontato con le curve di variazione di temperatura e precipitazione, ricostruite con le analisi degli isotopi e degli elementi in tracce, eseguite sugli stessi campioni.

flowstone della Grotta di Rio Martino - Alpi Occidentali

 

Dr. Ilaria Isola, Istituto Geoscienze e Georisorse, CNR, Pisa

Dr. Luca Lanci, Dipartimento di Fisica, Università di Urbino

Dr. Eleonora Regattieri, Dr Gianni Zanchetta, Dipartimento di Scienze Geologiche, Università di Pisa

Dr. Sara Satolli, Dipartimento di Geologia e Ingegneria, Università di Chieti-Pescara

Prodotti della ricerca

  • Isola, I., Mazzarini, F., Molli G., Piccini, L., Zanella, E., Zanchetta, G., Drysdale, R.N., Hellstrom, J., Woodhead, J., Roncioni, A., Milazzo, F., Pieruccioni, D., Regattieri, E., 2021. New chronological constraints from hypogean deposits for late Pliocene to Recent morphotectonic history of the Alpi Apuane (NW Tuscany, Italy), Geosciences, 11, 65, https://doi.org/10.3390/geosciences11020065
  • Regattieri, E., Querci, S., Zanchetta, G., Zanella, E., Isola, I., Drysdale, R.N., Hellstrom, J.C., Magrì, F., 2021. Interstadial condition over the Southern Alps during the early penultimate glacial (MIS 6): the multiproxy record from Rio Martino Cave (Italy). Quaternary Science Review, 257, 106856, https://doi.org/10.1016/j.quascirev.2021.106856
  • Regattieri, E., Zanchetta, G., Isola, I., Zanella, E., Drysdale, R., Hellstrom, J., Zerboni, A., Dallai, L., Tema, E., Lanci, L., Costa, E., Magrì, F., 2019. Holocene Critical Zone dynamics in an Alpine catchment inferred from a speleothem multiproxy record: disentangling climate and human influences. Scientific Reports, Scientific Reports, 9, 17829, https://doi.org/10.1038/s41598-019-53583-7
  • Zanella, E., Tema, E., Lanci, L., Regattieri, E., Isola, I., Hellstrom, J.C., Costa, E., Zanchetta, G., Drysdale, R.N., Magrì, F., 2018. A 10,000 yr record of high-resolution Paleosecular Variation from a flowstone of Rio Martino Cave, Northwestern Alps, Italy. Earth Planetary Science Letters, 485, 32-420, https://doi:10.1016/j.epsl.2017.12.047

 

Tag: speleotemi, magnetismo, paleoenvironment, geofisica

Ultimo aggiornamento: 15/04/2021 17:14
Location: https://www.dst.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!