Vai al contenuto pricipale
Foto gruppo
Gesso microcristallino laminato (gesso cumulitico) del Bacino Piemontese

Evoluzione paleoambientale durante le crisi di salinità messiniana

Componenti

Fotografia

Settore ERC

PE10_5 - Geology, tectonics, volcanology
PE10_10 - Mineralogy, petrology, igneous petrology, metamorphic petrology
PE10_11 - Geochemistry, crystal chemistry, isotope geochemistry, thermodynamics
PE10_12 - Sedimentology, soil science, palaeontology, earth evolution

Attività

upload_filamenti.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fig. 1: Filamenti in un cristallo di gesso selenitico

Durante il Messiniano, il progressivo isolamento del  Mare Mediterraneo dall'Oceano Atlantico, unito agli effetti di cambiamenti climatici a controllo orbitale, causò deposizione di successioni cicliche di marne, peliti e diatomiti in gran parte del Mediterraneo, a partire da circa 7 Ma. La graduale restrizione del Mediterraneo culminò con la deposizione di rocce evaporitiche durante la crisi di salinità messiniana (5.97-5.33 Ma). Sebbene il quadro cronostratigrafico di questo evento sia ormai ben conosciuto,  molti aspetti, quali ad esempio le condizioni chimico fisiche della colonna d'acqua e del fondale marino e  l'impatto della crisi messiniana sugli ecosistemi marini rimangono controversi. 

 Il progetto in corso si propone di ricostruire le condizioni paleoambientali che hanno determinato l'inizio e lo sviluppo della crisi messiniana e l'impatto di tale evento sugli ecosistemi marini,  attraverso studi sedimentologici, ciclostratigrafici, petrografici micropaleontologici, gecohimici e geomicrobiologici,  di sezioni localizzate in diversi settori dell'area mediterranea  (Spagna, Piemonte, Sicilia).


upload_gesso_microcristallino1.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Fig.2 Gesso microcristallino laminato (gesso cumulitico) del Bacino Piemontese  

 

Collaborazioni principali

Jörn Peckmann, Daniel Birgel (Hamburg)

Luis Gibert, Javier Garcia-Veigas (Barcelona)

Giovanni Aloisi (Paris)

Tim Lowenstein (Binghamton)

 

Prodotti della ricerca

1) Lozar, F., Violanti, D., Bernardi, E., Dela Pierre, F., Natalicchio, M. 2018. Identifying the onset of the Messinian salinity crisis: a reassessment of the biochronostratigraphic tools (Piedmont Basin, NW Italy). Newsletter on Stratigraphy, 51/1, 11-31

2) Natalicchio, M., Birgel, D., Peckmann, J., Lozar, F., Carnevale, G., Liu, X, Hinrichs, K.-U., Dela Pierre, F., 2017. An archaeal biomarker record of paleoenvironmental change across the onset of the Messinian salinity crisis in the absence of evaporites (Piedmont Basin, Italy). Organic Geochemistry 113, 242-253.

3) Dela Pierre, F., Natalicchio, M., Ferrando, S., Giustetto, R., Birgel, D., Carnevale, G., Gier, S., Lozar, F., Marabello, D., Peckmann, J., 2015. Are the large filamentous microfossils preserved in Messinian gypsum colorless sulfide-oxidizing bacteria? Geology 43, 855-858.

4) Dela Pierre, F., Clari, P., Natalicchio, M., Ferrando, S., Giustetto, R., Lozar, F., Lugli, S., Manzi, V., Roveri, M., Violanti, D., 2014. Flocculent layers and bacterial mats in the mudstone interbeds of the Primary Lower Gypsum unit (Tertiary Piedmont basin, NW Italy): Archives of palaeoenvironmental changes during the Messinian salinity crisis. Marine Geology 355, 71-87.

5) Natalicchio, M., Dela Pierre, F., Lugli, S., Lowenstein, T.K., Feiner, S.J., Ferrando, S., Manzi, V., Roveri, M., Clari, P., 2014. Did late Miocene (Messinian) gypsum precipitate from evaporated marine brines? Insights from the Piedmont Basin (Italy). Geology 42, 179-182. 

Ultimo aggiornamento: 04/01/2018 12:01
Non cliccare qui!