Vai al contenuto pricipale
Foto gruppo

La subduzione e l'esumazione della litosfera continentale: i suoi effetti sulla struttura ed evoluzione degli orogeni

Componenti

Fotografia

Settore ERC

LS1_4 - RNA synthesis, processing, modification and degradation
PE10_5 - Geology, tectonics, volcanology

Attività

La ricerca è finalizzata alla studio e alla comprensione dei meccanismi operanti, a diversi livelli strutturali, nella costruzione delle catene orogeniche e nella loro esumazione.
Lo scopo delle ricerche riguarda la comprensione della (1) crescita  
e collasso degli orogeni, (2) tettonica transpressiva continentale, (3) deformazione, metamorfismo ed esumazione delle rocce crostali profonde e (4) deformazione e cinematica delle zone di alto-strain.

 Questo progetto, attraverso un approccio multidisciplinare comprendente sia un forte contributo di tipo geologico-strutturale (cartografia geologica, analisi meso- e micro-strutturale, studio della deformazione finita ed analisi della vorticità cinematica, petrofabrics del quarzo e della calcite) sia contributi di altre discipline geologiche (e.g. petrologia, geocronologia, petrocronologia, modellazione numerica) ha l'obiettivo di contribuire alla caratterizzazione dei processi attivi e alla determinazione della loro durata nella formazione e nell'evoluzione tettonica degli orogeni collisionali.

 Le aree di studio comprendono catene sia di tipo "small cold orogens" che "large hot orogens" sia attuali che antiche. Nello specifico queste aree includono: (i) il sitema Himalaya-Karakoram-Tibet, (ii) l'Appennino Settentrionale, (iii) le Alpi Occidentali, (iv) la catena Varisica in Sardegna e nel Massiccio dei Mauri (Francia), (v) l'orogene di Ross (northern Victoria Land, Antartide).

.upload_Foto_1_copia.jpg

Foto 1: Porfiroclasto di staurolite ruotato con strain shadows asimmetriche
di quarzo indicative di un senso di taglio destro
(micascisti a staurolite del Massiccio del Mauri, Francia)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

upload_Foto_2.jpg

 

Foto 2: Protomilonite proveniente dalla zona di taglio
Ferriere-Mollieres, senso di taglio destro (Massiccio dell'Argentera, Italia).  

 

 

 

 

 

 

 

upload_Foto_3_copia1.jpg 

Foto 3: Boudinage a "tavoletta di cioccolato" a spese di vene carbonatiche
(Punta Bianca, Appennino Settentrionale, Italia)

 

 

 

 

 

 

upload_Foto_4.JPG

 

Foto 4: eucogranito del Bhagirathi che intrude
metapeliti a sillimanite (Greater Himalayan Sequence)
in basso e metasedimenti di basso grado (Martoli formation) in alto
(NW Himalaya, India)


Collaborazioni principali (istituti e/o persone)
 
UNIPI: Prof. Chiara Montomoli
UNIPD: Prof. Dario Visonà
UNIMIB: Prof. Igor Maria Villa
CNR-IGG UO PAVIA: Dr. Antonio Langone
University of Bern: Prof. Daniela Rubatto
Universität Stuttgart: Prof. Hans-Joachim Massonne
Universität Bonn: Prof. Niko Froitzheim
Virginia Tech: Prof. Richard D. Law
University of Santa Barbara, California: Dr. J. Cottle
Chinese Academy of Sciences, Beijing: Dr. Hui Cao
Department of Earth Sciences, IIT Roorkee: Prof. Arvind K. Jain

 

 

Prodotti della ricerca

Prodotti della ricerca
 
CAROSI R., MONTOMOLI C., IACCARINO S., MASSONNE H.-J., RUBATTO D., LANGONE A., GEMIGNANI, L. & VISONÀ D. (2016): Middle to late Eocene exhumation of the Greater Himalayan Sequence un the Central Himalayas: progressive accretion from the Indian Plate. (Geological Society of America Bulletin, 128, 1571-1592); 
 
CAROSI R., D'ADDARIO E., MAMMOLITI E., MONTOMOLI C., SIMONETTI M. (2016). Geology of the northwestern portion of the Ferriere-Mollieres Shear Zone, Argentera Massif, Italy. (Journal of Maps, 2016, http://dx.doi.org/10.1080/17445647.2016.1243491).
 
MONTEMAGNI C., FULIGNATI P., IACCARINO S., MARIANELLI P., MONTOMOLI C. & SBRANA A. (2016): Deformation and fluid flow in the Munsiari Thrust (NW India): a preliminary fluid inclusion study (Central Himalaya). (Atti della Società Toscana di Scienze Naturali Memorie, Serie A, doi: 0.2424/ASTSN.M.2016.22);
 
DECARLIS A., BELTRANDO M., MANATSCHAL G., FERRANDO S. AND CAROSI R. (2017). Architecture of the distal Piedmont-Ligurian rifted margin in NW-Italy: hints for a flip of the rift system polarity. (Tectonics, in press, DOI: 10.1002/2017TC004561).
 
IACCARINO S., MONTOMOLI C., CAROSI R., MASSONNE H.-J. & VISONÀ D. (2017): Geology and tectono-metamorphic evolution of the Himalayan Metamorphic Core: insights from the Mugu Karnali transect, Western Nepal (Central Himalaya). (Journal of Metamorphic Geology, 35, 301-325, doi:10.1111/jmg.12233); 
 
MONTOMOLI C., CAROSI R., RUBATTO D., VISONÀ D. & IACCARINO S. (2017): Tectonic activity along the inner margin of the South Tibetan detachment constrained by syntectonic leucogranite emplacement in Western Bhutan. (Italian Journal of Geosciences, 136, 5-14, doi:10.3301/IJG.2015.26); 
 
MONTOMOLI C., IACCARINO S., ANTOLIN B., APPEL E., CAROSI R., DUNKL I., DING L. & VISONÀ D. (2017): Tectono-metamorphic evolution of the Tethyan Sedimentary Sequence (Himalayas, SE Tibet). (Italian Journal of Geosciences, 136, 73-88, doi: 10.3301/IJG.2015.42); 
 
IACCARINO S., MONTOMOLI C., CAROSI R., MASSONNE H.-J., MONTEMAGNI C., JAIN. A.K. & VISONÀ D. (2017): Pressure-Temperature-Deformation-Time constraints on the South Tibetan Detachment System along the Alaknanda-Dhauli Ganga valleys, Garhwal Himalaya (NW India). (Tectonics, 36, doi: 10.1002/2017TC004566); 
 
PICCOLO A., FACCENDA M, CAROSI R., MONTOMOLI C. & VISONÀ D. (2017): Crustal strength control on structures and metamorphism in collisional orogens. (in press Tectonophysics, doi.org/10.1016/j.tecto.2017.09.018); 
 
SIMONETTI M., CAROSI R. & MONTOMOLI C. (2017): Variscan shear deformation in the Argentera Massif: a field guide to the excursion in the Pontebernardo Valley (CN, Italy). (in press, Atti della Società Toscana di Scienze Naturali Memorie, Serie A);
 
Ultimo aggiornamento: 09/11/2017 12:09
Non cliccare qui!